I finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza hanno sequestrato 38.605 pezzi di materiale esplodente pericoloso, pari a 52.717 bocche di fuoco di bengala, fontane, razzi e petardi per un peso complessivo di 967 chilogrammi, privo delle prescritte indicazioni di sicurezza. Il materiale sequestrato, pericoloso per l’incolumità degli eventuali acquirenti, sarà distrutto in appositi siti autorizzati. In particolare, i sequestri di artifizi pirotecnici sono stati effettuati a Cosenza, Rossano e Corigliano.

 Nella zona di Acri i militari della Polizia Economico-Finanziaria di Cosenza individuavano un deposito situato in una casa rurale, al cui interno sono stati rinvenuti nr. 650 pezzi di artifizi pirotecnici, molto pericolosi, pari a circa 300 kg., detenuti senza alcuna autorizzazione. I fuochi illegalmente custoditi per la vendita, erano stipati in cartoni e ammassati in un locale, in evidente violazione delle norme di sicurezza dei prodotti pericolosi, con conseguente pericolo per l’incolumità dell’intero nucleo familiare.
Nel Comune di Rossano, sulla SS106, i Finanzieri della Compagnia di Rossano, hanno rinvenuto e sequestrato a bordo di alcuni automezzi kg. 600 di materiale esplodente, costituito da fontane, razzi e petardi, ammassato e stipato, in furgoni sprovvisti dei necessari requisiti di sicurezza, autorizzazioni e licenze per il trasporto e la vendita del materiale esplodente. Nel centro della Città di Cosenza i Baschi Verdi della Compagnia hanno individuato e sequestrato circa 20 kg. di artifizi pirotecnici pericolosi, detenuti da venditori ambulanti, privi di licenza e autorizzazione in materia di P.S. ed in totale assenza delle minimali misure di sicurezza.
I Finanzieri della Tenenza di Corigliano hanno infine proceduto al sequestro di kg. 42 di fuochi pirotecnici, detenuti illegalmente all’interno di un esercizio commerciale dedito alla vendita di casalinghi e giocattoli, situato nel centro storico di Corigliano Calabro, anch’esso privo delle prescritte autorizzazioni, pericolosamente stipati in modo non sicuro, nei pressi di impianti elettrici attivi, in violazione delle disposizioni in materia di prevenzione e sicurezza.
A conclusione delle attività di controllo del territorio effettuate, i Finanzieri del Comando Provinciale di Cosenza hanno denunciato 10 persone alle Autorità Giudiziarie competenti, per violazioni delle norme relative alla custodia, il trasporto e la commercializzazione di materiale esplodente, artt. 678 e 679 C.P. e art. 47 T.U.L.P.S.. I responsabili, oltre alle sanzioni pecuniarie, rischiano la pena dell’arresto fino a diciotto mesi.
Sono in corso ulteriori indagini ed accertamenti al fine di individuare i canali di approvvigionamento dei fuochi illegali. L’attività svolta si inquadra nel più generale dispositivo di salvaguardia dell’incolumità pubblica, eseguito costantemente dalle Fiamme Gialle Cosentine ed incentrato, in questo particolare periodo dell’anno, alla repressione della produzione, detenzione e vendita illegale di fuochi d’artificio.


Commenti   

0 #1 Pirandello 2018-01-04 18:49
Cari conterranei :sigh: , ma allora i soldi ce li avete?! Chi avrebbe acquistato tutti questi botti sequestrati? E con quale moneta?? Forse con i Bitcoin??? ;-) :o
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo