I componenti della banda: SCHIAVELLI Loris, VERONESE Pasqualino e FILADORO Cristian. Agivano mascherati ed armati
In data odierna a Corigliano Calabro (CS), militari della locale Compagnia Carabinieri hanno dato esecuzione a tre ordinanze applicative della custodia cautelare in carcere - emesse dal GIP del Tribunale di Castrovillari su richiesta della locale Procura della Repubblica coordinata dal Dott. Eugenio Facciolla – nei confronti di altrettanti indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in rapina aggravata e furto aggravato.



Nello specifico le indagini, condotte dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Corigliano Calabro, si riferiscono a tre cruenti fatti (due rapine in abitazione ed un furto ad un tabacchi) accaduti fra il dicembre del 2014 e l’ottobre del 2015, riguardanti una banda di ragazzi di Corigliano, SCHIAVELLI Loris, VERONESE Pasqualino e FILADORO Cristian dediti a compiere reati contro il patrimonio, caratterizzati nell’esecuzione degli stessi da “allarmante spregiudicatezza”. Le due rapine in abitazione avvenivano a Corigliano Calabro, la prima in danno di due anziani coniugi, durante la quale i malfattori immobilizzavano le vittime legandole alle sedie con fasce e li depredavano di tutte le collane e i gioielli preziosi presenti in casa, delle fedi nunziali, dei cellulari e financo dell’autovettura personale per un danno complessivo di svariate migliaia di euro. La seconda era stata eseguita ai danni di un’anziana vedova del posto, che era stata pedinata, sfruttando per l’irruzione il momento in cui si trovava sola in casa. La vittima era stata minacciata più volte con un grosso coltello a serramanico e gli erano stati sottratti da dosso gli orecchini e la collana in oro, le fedi nunziali riportanti la data del matrimonio ed un anello con pietre preziose.
Il furto era stato, invece, consumato in piena notte presso una tabaccheria di un distributore di benzina di San Giorgio Albanese: la banda aveva divelto le serrande e le inferriate ed una volta all’interno del locale aveva fatto razzia di tutti i tabacchi esposti, centinaia di pacchi per un valore stimato di oltre cinquemila euro.
Il quadro indiziario si fonda su puntuali e completi esiti dell’attività investigativa condotta, corroborata dagli accertamenti biologici e dattiloscopici esperiti dal R.I.S. di Messina.
Gli odierni arrestati sono stati tradotti tutti presso la Casa Circondariale di Castrovillari. 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo