Montegiordano: fatto esplodere e svuotato il Bancomat del BCC

Rapina col botto la notte scorsa a Montegiordano Marina: squarciato, mediante una carica esplosiva, e svuotato di tutto il contenuto il Bancomat della Filiale della BCC (Banca di Credito Cooperativo Mediocrati) situata lungo la vecchia S.S. 106 ribattezzata Corso della Vittoria n. 150, che sorge di fianco al locale rifornimento di benzina e alla sede della Pro-Loco di Montegiordano. 

 

 

 

 

L’esplosione e la rapina di tutto il contenuto dello Sportello Bancomat sono avvenute nel cuore della notte tra martedì e mercoledì, intorno all’1.30, allorquando un forte boato, provocato da una improvvisa e forte esplosione, ha scosso tutto il centro abitato della Marina di Montegiordano provocando l’implosione del Bancomat, incrinando e mandando in frantumi le vetrate dell’ingresso e una grossa foriera situata davanti all’ingresso e, ovviamente, seminando il panico tra gli abitanti della zona che, secondo quanto si è appreso, subito dopo avrebbero sentito sfrecciare a folle velocità un’auto che, subito dopo il forte boato, in un attimo si è dileguata nel buio della notte portando via l’intero contenuto del Bancomat con tutto il malloppo che si aggirerebbe intorno a 10mila euro. A dare l’allarme sarebbero stati due ragazzi del luogo che si trovavano a passare nei pressi, i quali hanno subito avvertito le Forze dell’Ordine. Sul posto sono subito arrivati i Carabinieri della Stazione di Rocca Imperiale al comando del Luogotenente Antonio Fanelli e subito dopo gli agenti della Polizia Municipale i quali hanno subito provveduto a transennare gli spazi adiacenti all’ingresso della BCC (nella foto) per fare in modo che nessuno si avvicinasse e venissero alterati i particolari dei rilievi. Trattandosi di una fragorosa esplosione, molto probabilmente provocata da un ordigno rudimentale, oltre ai Carabinieri ed ai Vigili Urbani sul posto sono stati fatti arrivare gli Artificieri della Questura di Cosenza al fine di verificare la presenza di ulteriore materiale esplodente, di approfondire le indagini e di risalire al tipo di ordigno e di esplosivo utilizzato dai ladri facendo tesoro, forse di analoghi fatti criminosi perpetrati di recente in Puglia, nelle province di Lecce e Brindisi.
Pino La Rocca
  

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna