L’ennesimo incidente stradale verificatosi sulla S.S. 106 nella serata di ieri e che ha causato la morte di un giovane padre di famiglia di 33 anni, ha riacceso i riflettori sulla mancanza di sicurezza di questa importante arteria viaria della Calabria jonica che l’ANAS dovrebbe provvedere a riammodernare almeno nei suoi tratti più critici e pericolosi per la circolazione.

 Non è possibile che ancora oggi, nonostante l’elevato numero di decessi registrati in questi decenni, secondo i dati forniti dall’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” ben 600 vittime e circa 24.000 feriti dal 1996 ad oggi, l’ANAS non dica con chiarezza quali iniziative ha in cantiere per superare criticità e pericoli evidenti che ritornano alla ribalta in momenti luttuosi come quelli vissuti dalla città di Corigliano per la tragica scomparsa di un suo concittadino. Di fronte alla “più grande strage di Stato dell’Italia repubblicana”, per usare nuovamente le parole dell’Associazione “Basta Vittime sulla S.S. 106” che meritoriamente pone all’attenzione di chi ha responsabilità di governo un’emergenza che non può essere sottaciuta o marginalizzata, è necessario che chi ha responsabilità di governo agisca senza perdere più tempo. Questo tema non può essere assente dalla discussione elettorale in vista del voto del prossimo 4 marzo anche se, crediamo, deve essere affrontato senza strumentalizzazioni di sorta per rispetto delle vittime di questa strada e della sofferenza delle loro famiglie, avendo però consapevolezza che i rappresentanti eletti di questo territorio dovranno riportare questo tema al centro del dibattito politico nazionale. Siamo convinti che l’ammodernamento debba essere affrontato anche con il supporto delle autorità locali e dei comitati civici per superare i problemi che si stanno determinando per la vicenda dei lavori che riguardano il tratto dell’alto jonio cosentino. Fratelli d’Italia che ha posto al centro della propria azione politica nel territorio questo problema, anche attraverso campagne di sensibilizzazione, sosterrà con forza un progetto di ammodernamento che rappresenti non solo la giusta risposta alle tante vittime di questa strada ma anche l’occasione di sviluppo di un territorio che per via di una vecchia S.S. 106 sta subendo ritardi anche di natura economica non più sopportabili.
Antonio Ascente    

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo