Montegiordano: grave incidente stradale sulla 106

Un improvviso malore o più probabilmente un colpo di sonno ieri mattina alle 6.40 ha provocato un grave incidente stradale sulla S.S. 106 all’interno di una delle tre gallerie che by-passano la Marina di Montegiordano. Il bilancio è di tre feriti di cui il guidatore, M. D. 21 anni, di origini albanesi ma residente a Nova Siri (MT), è in prognosi riservata, mentre gli altri due occupanti dell’auto, M. F. e G. S., entrambi ventunenni, sono gravi, ma nessuno dei tre sembra essere in pericolo di vita.

Nel percorrere una delle tre gallerie la Fiat Panda, abbastanza datata, è sbandata e dopo una serie di testa-coda è andata a sbattere violentemente contro la parete della galleria denominata “Vittoria”. Nel violento impatto contro il muro di cemento l’auto si è letteralmente accartocciata tanto che i due occupanti dei sedili anteriori sono rimasti intrappolati tra le lamiere contorte ed è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco di Castrovillari per poterli estrarre con l’uso della fiamma ossidrica e consegnarli ai sanitari delle postazioni del 118 di Trebisacce e di Cassano Jonio che, a sirene spiegate e in codice rosso, hanno trasferito tutti e tre i feriti all’ospedale di Policoro (MT). Le condizioni del conducente della Panda sono apparse subito gravi. Da qui l’esigenza di trasferirli all’ospedale più vicino, quello di Policoro (MT), che è stato preventivamente allertato per intervenire chirurgicamente sul ferito più grave. Sul posto, oltre al 118, sono giunti i carabinieri della stazione di Rocca Imperiale al comando del Luogotenente Antonio Fanelli e la Polstrada di Trebisacce con gli assistenti capo Pasquale Lonero e Giulio Dimatteo che, coordinati sul posto dal Comandante del Distaccamento ispettore capo Graziano Nadile, hanno il effettuato i rilievi al fine di accertare le cause del grave incidente che ha coinvolto i tre giovani ventunenni. Il traffico sulla corsia-nord della S.S. 106, a causa dell’incidente, dei successivi soccorsi e del ripristino della sicurezza del traffico da parte degli operai dell’Anas, è rimasto bloccato per circa due ore.
Pino La Rocca

Stampa Email