Longobucco “sostenibile”

Written by redazione on . Pubblicato in Cronaca

Il futuro è oggi con lo sfruttamento delle fonti rinnovabili. Scuola media, Palazzo del Municipio, Liceo Scientifico e in futuro Biblioteca, Polifunzionale e tutti gli immobili di proprietà comunale maggiormente utilizzati, non hanno e non avranno più stufe e vecchi termosifoni grazie al teleriscaldamento. Ne da notizia il sindaco di Longobucco, Luigi Stasi, evidenziando come «il Comune sia capace di produrre, trasformare, trasportare ed utilizzare la biomassa legnosa.

I tronchi, gli arbusti, la legna e tutti i prodotti del sottobosco, vengono raccolti e trasformati in cippato, ridotti, cioè, in scaglie. Il cippato viene trasportato presso l’impianto e inserito in questa caldaia. Attraverso le reti di distribuzione del calore, il calore viene distribuito agli edifici tramite una rete di tubazioni in cui fluisce l’acqua calda».

Stampa

miglior sito di scommesse