Alto Jonio: bufere di neve su tutte le aree interne

Bufere di neve su tutte le aree interne: in crisi ancora una volta la viabilità sulle Provinciali che collegano i paesi interni tra loro e alla Litoranea. Ma anche le strade comunali e interpoderali presentano gravi criticità e diverse aziende agricole sono rimaste isolate, con gravi difficoltà per l’approvvigionamento per gli animali rimasti chiusi nelle stalle. Tra i paesi più colpiti dalle nevicate, oltre a Castroregio, San Lorenzo Bellizzi, Nocara, Plataci, Albidona… c’è come sempre Alessandria del Carretto che è il paese più interno e, con i suoi 1.000 metri, anche quello posto più in alto.

Per la verità, come ha tenuto a sottolineare il sindaco di Alessandria Vincenzo Gaudio, a creare i problemi più seri non è la neve che peraltro era attesa da tempo per i benefici che produce all’agricoltura e alle sorgenti idriche, ma il ghiaccio che si impadronisce della neve quando le temperature si avvicinano allo zero o scendo sotto lo zero come è successo adesso, ed in particolare durante la notte. Lo stesso primo cittadino ha riferito che gli spazzaneve della Provincia che stazionano sul posto sono subito entrati in azione ed hanno consentito la partenza dell’autobus ma, continuando a nevicare come è successo per tutta la mattinata di ieri, c’è il rischio che la circolazione si blocchi ed il paese resti isolato come è già avvenuto negli ultimi anni. In questi casi sarebbe necessario un robusto utilizzo di sale da parte della provincia ma, questa la lamentela, nonostante la neve fosse stata annunciata con largo anticipo, in realtà la provvista di sale è stata fatta in ritardo e anche in quantità ridotta per cui la Provinciale (nella foto) si presenta come una lastra di ghiaccio su cui è facile pattinare ma non certo circolare in sicurezza. Cosa diversa, invece, per il comune che, prevedendo l’abbondante nevicata, con le poche risorse disponibili ha acquistato 10 quintali che si appresta ad utilizzare nei punti nevralgici del paese (Guardia Media, Comune, Ufficio Postale…) per consentire alla gente, soprattutto quella anziana, di muoversi, almeno per le urgenze. Lo spartiacque tra i due enti, ha ricordato il dottor Gaudio, è che il Comune è sul posto, mentre la Provincia è lontana, troppo lontana e, per la verità, non si sa se c’è o non c’è, se è stata abolita, come si dice, oppure sopravvive e tira a campare.
Pino La Rocca

Stampa Email