Trebisacce: si rafforza il gemellaggio con Venosa, città natale di Orazio


Continua con successo lo scambio culturale tra la Città di Trebisacce e la Città di Venosa, in Basilicata, gemellate tra loro a ragione delle comuni origini arcaiche legate al popolo pro-storico degli Enotri che ha vissuto nei territori calabro-lucani fin dall’età del Bronzo Medio.

 Venosa è un comune di circa 12mila abitanti, in provincia di Potenza che si trova nel territorio del Vulture, considerata tra i borghi più belli d’Italia. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi e il suo sito preistorico di Notarchirico è il più antico della Basilicata. Ha restituito numerosi resti fossili di animali estinti, il femore dell’homo erectus e numerosi strumenti litici. La città di Venosa, che ha dato i natali al grande poeta latino Orazio, fu fondata dai romani nell’anno 291 a.C. a controllo della valle dell’Ofanto e della via Appia. I Romani, dopo la vittoria sui Sanniti, dedicarono la città a Venere, divinità cara ai vinti. La storia di questa città, a partire da questa data, è legata alla storia di Roma che la eleva a "Municipium" (città romana), estendendo il diritto di voto e di cittadinanza ai suoi abitanti. Il rapporto di collaborazione culturale tra le città di Trebisacce e di Venosa, suggellato qualche anno addietro con il gemellaggio e un intenso scambio di visite istituzionali, sarà rinverdito sabato 6 ottobre 2018 con la partecipazione di una folta rappresentanza della città di Trebisacce alla manifestazione prevista per quella data a Venosa. Tra le altre iniziative sarà possibile partecipare al Convegno che si terra presso la Sala del Trono, nel Castello (nella foto), sul tema “Venosa tra la Protostoria e l’età Romana. Tra i relatori ci sarà il prof. Tullio Masneri originario di Rossano ma residente a Trebisacce che è il presidente dell’Associazione Culturale per la Storia e l’Archeologia della Sibaritide, il quale svilupperà il tema “Gli Enotri, progenitori della nostra Cultura”. Nell’occasione l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Mundo, al fine di sostenere e promuovere la giornata di scambio culturale che sicuramente accrescerà il bagaglio culturale di chiunque vi parteciperà, ha messo a disposizione gratuitamente un pullman per il viaggio. Chiunque volesse prenotare il proprio posto può contattare il Delegato al Turismo Maria Francesca Aloise. Giunti nella cittadina lucana, sarà possibile visitare nella mattinata, accompagnati da una guida, alcune delle eccellenze storico-architettoniche della città di Venosa, come le Catacombe Ebraiche, il Parco Archeologico, l'Abbazia della Santissima Trinità. Alle 17.00 è previsto invece il Convegno e, a seguire, si potrà degustare un aperitivo lucano e visitare i mercatini, ricchi di eccellenze artigianali ed enogastronomiche lucane e calabresi, con espositori provenienti anche da Trebisacce. Sarà così l’occasione per approfondire le comuni origini storiche e anche per conoscere le reciproche specialità eno-gastronomiche.

Pino La Rocca

 

Stampa Email