• Home
  • Notizie
  • Attualità
  • “Innovambiente” e Cassano allo Ionio, sacchi neri e cassonetti vanno in pensione

“Innovambiente” e Cassano allo Ionio, sacchi neri e cassonetti vanno in pensione


CASSANO - Entra in funzione questo mese il nuovo sistema di gestione del ciclo rifiuti “Innovambiente”. Per i 18mila abitanti di Cassano allo Ionio raccolta differenziata dei rifiuti sul portone di casa, una App e un numero verde per informazioni, segnalazioni e richieste. Obiettivi: tutela ambientale, sostenibilità e tariffazione puntuale.

Per i 18 mila abitanti, 7.200 utenze domestiche e 850 commerciali di Casanno allo Ionio, è arrivato il momento di dire addio a sacchi neri e cassonetti agli angoli delle strade e della piazza. L’ente di gestione del servizio di igiene urbana ha infatti adottato, per il comune della costa dello Ionio, il nuovo sistema di raccolta differenziato e porta a porta e si affiderà alla piattaforma web based “Innovambiente” per l’informatizzazione dell’intero processo.

Dal 25 febbraio ogni utente dovrà utilizzare i sacchetti di plastica trasparenti ed ispezionabili e i contenitori antirandagismo per ogni frazione conferita, forniti dalla società Progitec Srl di Catania, gestore dell’appalto di igiene urbana della cittadina calabrese. Ogni contenitore è dotato di trasponder RFID per il riconoscimento del conferimento da parte delle singole utenze. Inoltre ogni cittadino avrà a disposizione un’App, gratuita e compatibile iOS e Android, con la quale controllare calendario e orari di raccolta, guida ai conferimenti, dizionario dei rifiuti, prenotare un ritiro di rifiuti speciali o di grandi dimensioni e inviare segnalazioni al gestore. Mentre, per chi non è connesso o non utilizza device elettronici, il back office del sistema metterà a disposizione un più tradizionale servizio gestionale integrato con “numero verde”.

“Il cambiamento rispetto al passato è totale. Ogni contenitore contiene un chip che legge l’utenza e consente di registrare il conferimento. In un prossimo futuro le tariffe saranno quindi calcolate su una quota fissa e su quanto realmente conferito – spiega Erika Trovato, Project Manager Progitec - grazie alla collaborazione con INNOVA, l’azienda high tech materana creatrice di “Innovambiente” e l’adozione dei suoi software di business intelligence e delle nuove funzionalità di back office, presentate di recente a Ecomondo di Rimini, sarà possibile analizzare i big data relativi a ogni momento del ciclo di raccolta e generare statistiche in grado di migliorare costantemente qualità, efficienza ed economicità del servizio. Si avvia così un percorso di risparmio ed efficienza in grado di indirizzare il servizio alla tariffazione puntuale e ottenere un miglioramento del contesto urbano e di tutela dell’ambiente”.

Ufficio Stampa Innovambiente

Carlo Bozzo 

Stampa Email

miglior sito di scommesse