Castrovillari: a rischio scuole serali e delle istituzioni penitenziarie

Fare fronte comune a tutela del diritto allo studio e della dignità dei più deboli ed a rischio. E’ questo il senso di una levata di scudi da parte dell’Amministrazione comunale di Castrovillari che, attraverso l’Assessore ai Servizi Sociali e Pubblica Istruzione , Pino Russo, richiama, con enorme preoccupazione il fatto che “l'Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria ha rimosso dall’organico di diritto , per l’anno 2019/2020, i posti degli insegnanti delle scuole serali e di quelli delle istituzioni penitenziarie”.

Per Russo “il provvedimento è un grave attacco al diritto allo studio e all’inclusione sociale nonché culturale, che si ripercuoterà pesantemente sulle persone più deboli ed a rischio effettivo di emarginazione”.
“Una presa di posizione quella che esprimiamo– aggiunge l’amministratore a nome e per conto della Giunta Lo Polito- per affermare il ruolo dell’Istituzione scolastica, con chi vi opera, nella società per il bisogno educativo, che è crescita e sviluppo armonioso dell’individuo oltre strumento di riscatto e valorizzazione dell’essere grazie alla formazione accompagnata e dedicata.”
“Una responsabilità- fa presente Russo- troppo rilevante per essere bypassata negli ambienti più sensibili dello Stato che, attraverso la Carta Costituzionale, sottolinea pure la portata di questo cruciale diritto di tutti.”
“Da qui- conclude- la vibrante presa di posizione, a fianco dei diversi soggetti già mobilitati, su contenuti anche per noi irrinunciabili e di una politica scolastica che non può che misurarsi, rispondendo adeguatamente, con gli effettivi bisogni della comunità, stanca di tagli ai servizi essenziali.”
L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

Stampa Email