Alessandria del Carretto: il Campus Estivo, un successo da riproporre ogni anno

Concluse le attività del Campus Estivo “Little Wolff” svoltosi nel suggestivo “Borgo Autentico” dell’Alto Jonio. Dal 5 al 9 agosto, il comune di Alessandria del Carretto ha infatti organizzato il I° Campus Estivo con finalità educativo-ambientali destinato a diventare fiore all’occhiello del territorio. Il progetto, denominato “Little Wolf”, ha avuto come partner d’eccezione l’Ente Parco Nazionale del Pollino e il WWF Sez. O.A. “Calabria Citra” e si è avvalso della preziosa collaborazione del settore “Tiro con l’Arco” del CSEN – Sud Italia. 

Ricca l’offerta ludico-educativo-sportiva per i giovani partecipanti coinvolti in attività come il Tiro con l’Arco, i percorsi di trekking, la caccia al tesoro nel borgo autentico, visite guidate al Museo del Lupo e all’Orto Botanico e tanto altro. Colonna portante dell’intero Campus è stata l’educazione ambientale che si è giovata della presenza e della partecipazione attiva del Presidente WWF Calabria Citra prof. Giuseppe Rogato e del prof. Vincenzo Arvia che hanno saputo magistralmente condurre i bambini, con estrema sensibilità e passione, alla scoperta della straordinaria ricchezza ambientale posseduta dall'Orto Botanico “Difisella” che sorge nel comune di Alessandria del Carretto. E in realtà non ci poteva essere scelta migliore della “Difisella” come location per informare i ragazzi sulla sua istituzione ufficiale del 21 novembre 1999. E’ stato quello il primo passo del genere all’interno dei paesi del Parco Nazionale del Pollino. Presso l’orto botanico ragazzi hanno potuto osservare le diverse piante arboree, quasi tutte cartellinate, alcune spontanee e altre introdotte negli anni, che presentano un elevato grado di biodiversità. Nel pomeriggio gli studenti si sono ritrovati all’interno del Museo Naturalistico del Lupo che ha conosciuto anch’esso un percorso istitutivo iniziato nell'agosto 1995. Il progetto multidimensionale sportivo-educativo del Campus Estivo “Little Wolf” ha poi dato particolare importanza alla disciplina del Tiro con l’Arco, grazie alla collaborazione con il Settore Tiro con l’Arco Sud Italia del CSEN (Centro Sportivo Educativo Nazionale) e del suo referente, il prof. Guido Valenzano, attraverso la messa in atto del progetto sperimentale “Archery Advanture” che mira alla formazione di un movimento educativo arcieristico di valorizzazione ambientale in cui i giovani arcieri, oltre a conoscere le basi del tiro con l'arco, posseggono una varietà di conoscenze relative alla vita all'aperto, alla sicurezza, all'esplorazione dell’ambiente e le competenze necessarie per chi cerca di avventurarsi in percorsi estremi. La pratica del Tiro con l'Arco assume infatti il ruolo di “guida” verso la scoperta e la conoscenza di se stessi e della natura, proiettandosi “avventurosamente” verso nuove frontiere sportive, educative e soprattutto sociali. L’esperienza del “Little Wolf” si è rivelata un bel contenitore di iniziative:  animazione, sport, natura, cultura e avventura, capace di animare il Borgo Autentico Alessandrino della gioia festosa dei giovanissimi partecipanti. Il tutto si è concluso nella serata di venerdì 9 agosto presso il largo adiacente Piazzetta San Vincenzo con la presenza dei genitori dei bambini e della comunità alessandrina mediante la proiezione di un Report di tutte le attività del Campus e di un film. L'iniziativa della nuova amministrazione comunale guidata dal sindaco Domenico Vuodo é stata veramente degna del Borgo Autentico più alto del Parco Nazionale del Pollino e, considerato il gradimento dei ragazzi e delle famiglie, ci si augura che la stessa esperienza possa essere riproposta quale appuntamento estivo annuale.
Pino La Rocca
 

Stampa Email