Villapiana: una nuova Caserma, a costo zero per il Ministero

Mantenendo gli impegni assunti in tema di sicurezza, l’amministrazione comunale in carica, valutate le proposte scaturite in città a seguito di una manifestazione di interesse, si è impegnata a farsi carico della realizzazione di una nuova Caserma dei Carabinieri al posto di quella esistente allo Scalo ritenuta angusta e inadeguata.

 «Consegniamo una Caserma, a costo zero per il Ministero, di cui si fa interamente carico l’Amministrazione Comunale». E’ appunto questo il solenne impegno scaturito dai lavori del Consiglio Comunale del 30 novembre nel corso nel quale, assenti per i motivi di cui diremo a parte i consiglieri della Minoranza “Insieme per Villapiana”, sono stati approvati gli Equilibri di Bilancio 2020/’22 insieme all’assestamento generale e alla variazione al Bilancio. In merito poi al tema della sicurezza urbana e dell’ordine pubblico, l’esecutivo comunale, anche con il voto favorevole del consigliere di Minoranza Michele Grande, ha deliberato l’acquisto di un immobile da destinare a Caserma dei Carabinieri. «Quanto prima – si legge nel resoconto dei lavori del Consiglio Comunale - al Ministero dell’Interno, invieremo gli atti che garantiscono già dal primo gennaio 2020 una nuova Caserma per Villapiana. Questo perché - secondo il Sindaco di Villapiana Paolo Montalti - i problemi di sicurezza che interessano il territorio del Comune di Villapiana sono gravi a causa di un dilagante fenomeno di immigrazione delinquenziale arrogante e pervasiva, che rischia di soffocare le potenzialità di sviluppo del territorio da sempre impegnato, grazie ad una popolazione sana ed operosa, su ambiziosi progetti di crescita, divenuti veri e propri attrattori turistici e commerciali. È per questo – si legge ancora nella nota proveniente dalla Casa Comunale - che Villapiana non può permettersi di fare a meno di un presidio militare così importante per il territorio ed è per questo che siamo pronti a consegnare, “a costo zero” per il Ministero, un edificio idoneo ad ospitare degnamente la nuova Caserma». In tema di clima natalizio, il Consiglio ha discusso sulla opportunità o meno di allestire le luminarie in un periodo particolare come quello che si sta vivendo e, rivedendo l’orientamento precedente di tagliare i costi per aiutare le famiglie bisognose, l’Amministrazione Comunale, oltre ad uno sgravio fiscale a favore dei commercianti, ha deciso di accendere le luminarie, ma ridimensionandole rispetto al passato. Il consigliere Grande, da parte sua, è intervenuto anche per sottolineare «troppi guasti su parte dell’illuminazione pubblica costata svariati milioni di euro» ma, chiamato in causa, l’Ufficio Tecnico ha smentito le sue dichiarazioni parlando di «linea funzionante e senza alcun guasto». In riferimento, quindi, alla installazione di pensiline davanti agli Uffici Postali del Lido e dello Scalo ed alla proposta del consigliere Grande di installarne qualcuna anche alla fermata degli autobus, l’esecutivo comunale ha rivelato che finora non l’ha fatto «perché è in cantiere un progetto molto più ambizioso di cui si vedranno a breve i frutti». Rinviato infine alla fine del mese di dicembre l’appuntamento per la discussione e l’elezione del nuovo CDA della Società Municipalizzata BSV. Pino La Rocca
 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.