No Triv Magna Grecia: la Consulta salva il referendum

Adesso è ufficiale: il referendum sulla durata delle concessioni di ricerca di idrocarburi ricadenti nelle 12 miglia marittime si farà. I cittadini avranno un’occasione storica per respingere con forza le politiche energetiche che il governo Renzi sta tentando di imporre al Paese. Finalmente il coro unanime di sdegno di interi consigli regionali, cittadini, associazioni ambientaliste, operatori turistici e agricoli, potrà tradursi in un rifiuto concreto e vincolante alle trivellazioni.

E non finisce qui, dal momento che a breve la Consulta si esprimerà anche sul conflitto di attribuzione sollevato da 6 Regioni (fra cui non è presente la Calabria) nei confronti del Parlamento, con cui potrebbero essere riabilitati anche altri due quesiti relativi al Piano delle Aree e alla durata dei permessi, che la legge di Stabilità recentemente approvata aveva reso inammissibili. Ora si apre una nuova stagione, che ci vedrà impegnati nella campagna referendaria. Sarà essenziale riprendere la strada della sensibilizzazione pubblica e della mobilitazione popolare. Ci auguriamo, in questa delicatissima fase da cui dipendono le sorti della nostra terra e del nostro mare, di avere al nostro fianco la Regione Calabria, sin qui decisamente troppo morbida nell’opporsi alla linea governativa. Ci hanno già costretto a scendere in piazza e manifestare per affermare qualcosa che dovrebbe essere così solare ed evidente da essere anche scontato, ma se necessario lo faremo ancora e ancora. Questo popolo non accetterà mai la follia di chi, senza alcuna legittimazione democratica, vuole dare il colpo di grazia ad un territorio già depresso da tagli di servizi, negazioni quotidiane di diritti e problemi di ogni sorta. Nell’epoca in cui il prezzo del petrolio è ai minimi storici, e tutto il mondo investe sulle rinnovabili, l’Italia non può farsi del male per assecondare gli appetiti delle solite lobbies delle energie fossili. Ci credevano ignoranti, inermi e incapaci di fare fronte comune per difendere ciò che di bello non siete ancora riusciti a rubarci, ma ci faremo trovare informati, vivaci e uniti. Ci hanno provato, ma sappiano che non ci fermeremo fin quando non li avremo fermati!

Coordinamento No Triv Magna Grecia

Stampa Email