Albidona: cittadini, giovani e famiglie insorgono

Tracimato il progetto politico “Insieme si può”.
I cittadini di Albidona di concerto con i giovani, d’intesa con le famiglie e sostenitori del progetto politico “insieme si può” risultato vincente lo scorso 5 Giugno 2016, si dicono insoddisfatti e delusi dagli atteggiamenti del primo cittadino. Il progetto “insieme si puo'” è stato un progetto straordinario, fulcro di un'azione politica civica e libera con nuove idee e con nuovi orizzonti. Disegno ideato da giovani e supportato da famiglie per contestare i metodi della vecchia politica e per continuare sulla scia dell'azione amministrativa precedente.

 Per sviluppare tale progetto e per vincere una sfida amministrativa seppur agguerrita ma non tanto difficile, è stata scelta la farmacista del paese, data la sua sensibilità nel mondo del sociale. Ben presto, però, la sua condotta ha sviato le linee e le aspettative prefissate pur essendo incise in un chiaro programma elettorale, ecco che a distanza di tre anni i dubbi sono tanti sul comportamento assunto dalla stessa. Le famiglie e i cittadini che affidando in lei le speranze, oggi sono infastiditi e traditi da un’ospite che non ha onorato la tavola.
In molti si chiedono perchè tutto questo? forse per togliersi sassi e sassolini dalle scarpe e dalle tasche? Cosa e chi ha indotto il sindaco e il vicesindaco, all'allontanamento del gruppo di giovani e di sostenitori? e cosa all'allontanamento dei non eletti e a quello dei primi due eletti? …..eppure il Comune doveva essere la casa di tutti.
Gli albidonesi sono profondamente delusi per il suo operato, il progetto della lista "INSIEME SI PUO'" non è stato rispettato come tale, altri erano gli obiettivi da realizzare, altre erano le aspettative e le speranze di una comunità che purtroppo può puntare a ben poco se non alla collaborazione di una amministrazione che si indirizzi verso una pianificazione attenta e strutturata. In tre anni nessun passo in avanti, nessun punto del programma capitalizzato se non solo alimentazione di odio nel paese, rancore tra cittadini e famiglie.
Si contesta pertanto il metodo e la condotta assunta dalla sindaca, che ad oggi non è degna di essere ricordata come tale, capace di distruggere i sogni e le aspettative dei giovani che lei ha sempre sostenuto di esserne la madre... dunque non adatta a rivestire tale ruolo istituzionale.
Probabilmente, allontanare sostenitori e consiglieri era l'obbiettivo primario del sindaco e del suo vice. Mossa studiata, elaborata e portata avanti sin dalla campagna elettorale, forse perche' scomodi per il loro carattere forte e schietto, forse perchè capaci di non abbassare la testa.
Con l’imbarco di caporali, la sindaca è diventata sempre più instabile al punto di decapitare qualsiasi iniziativa che non fosse sua o dei suoi tiranni. Dopo aver allontanato sostenitori ed amici con altrettanta raffinatezza ed eleganza, espelle dapprima il secondo eletto e di recente la prima degli eletti in Consiglio Comunale.
Le diatribe creatasi nell’attuale maggioranza, sono assoggettabili pertanto a lei e ad al suo vicesindaco forse troppo attaccati alla poltrona, al potere e a vecchie ideologie indirizzate verso un qualche progetto personale e diabolico. Anni trascorsi sugli scranni del Consiglio Comunale ma senza mai lasciare un segno positivo per la comunità. Entrambi si sono rivelati fallimentari ed in linea con la precedente militanza amministrativa, incapaci e non all’altezza di coordinare Consiglieri con l’attività amministrativa.
La risposta a tutto ciò è che probabilmente, questo è quello che volevano, quindi per tutti noi albidonesi non esiste più il progetto "insieme si può", se non da riorganizzare e da rimettere in opera nel futuro prossimo. Con i giovani, caparbi e dinamici ai quali va riconosciuto tutto il merito di aver messo in piedi una macchina esplosiva e per il coraggio manifestato tre anni fà, continueremo a difendere Albidona, gli albidonesi e soprattutto, quella speranza a cui è appesa l’intera comunità.
Dunque, ad oggi il progetto risulta interrotto, poichè non in linea con l'attuale maggioranza, esso deve ancora attendere la sua vera e propria esecuzione, sperando che la nottata passi presto.

I cittadini di Albidona

Stampa Email