Marika Reale (Lega): senza infrastrutture nessun sviluppo

Ormai è chiaro agli occhi di tutti, un paese senza infrastrutture non ha possibilità di crescita, sia nel lungo sia nel breve periodo. In un momento storico in cui si discute su come rilanciare l’economia stagnante del paese, la Lega di SALVINI CALABRIA pone continuamente l’accento sulla necessità di grandi opere anche nei territori considerati, purtroppo e a torto, più marginali. Caso emblematico di marginalizzazione di un territorio per l’assenza di opere necessarie, è quello dell’area jonica cosentina-crotonese. 

 

 

 

Benché il territorio in questione, il nostro territorio, possa considerarsi quale culla della diffusione della cultura greca in Occidente, esso versa da decenni in uno stato di totale abbandono da parte dei vari governi susseguitisi. 

Nonostante la necessità di ammodernare la statale 106 sia un vessillo delle varie formazioni politiche avvicendatesi negli ultimi decenni, ben poco è stato fatto. E ben poco è in fase di attuazione. Mi riferisco ai lavori di ammodernamento della 106 nel tratto Sibari-Roseto, lavori procrastinati grazie ad una politica incompetente e disinteressata all’area sibarita, e alla totale mancanza, da parte di questo governo, di un interesse concreto all’ammodernamento del catastrofico tratto Sibari-Crotone.

L’area jonica è totalmente priva di infrastrutture, i tempi di percorrenza sono paragonabili a quelli delle transumanze del bestiame, la sicurezza è inesistente, le ferrovie non ancora elettrificate (seppur con promesse di elettrificazione delle quali si sa ben poco) e dei binari che mai potrebbero ospitare l’alta velocità. Per non parlare dell’assenza di collegamenti aeroportuali per quell’area, la Piana di Sibari, la quale rappresenta la maggiore produttività agricola calabrese.

La Lega di Salvini si è impegnata pubblicamente ad abbracciare un percorso di rilancio del territorio, di superamento di quelle criticità che, seppur non da sole, hanno ostacolato la crescita e favorito l’abbandono di questa terra.

E’ finito il tempo delle promesse, abbiamo bisogno di strade, porti, aeroporti, ospedali e tribunali. E’ inconcepibile che nel 2020 un’aera di un paese come l’Italia versi in condizioni come quelle che coinvolgono un territorio che va da Sibari a Crotone, passando per la terza città della Calabria, Corigliano-Rossano, con i suoi 80 mila abitanti.

Abbiamo avuto il coraggio e la forza di dare una sterzata al governo regionale, ora è il tempo di abbandonare l’arroganza e l’incompetenza dell’attuale governo nazionale per poter porre in essere ogni azione necessaria al rilancio del paese, ed in particolare, per noi, della nostra area, potenziale motore del rilancio dell’intera economia regionale.

La Lega di SALVINI ha messo a disposizione del nostro territorio le sue migliori competenze, l’esperienza delle efficienti amministrazioni del settentrione del paese. Basta con gli incompetenti a comando!

la lega ha capito che non ci può essere crescita del Paese se non si parte dal meridione e certamente si passerà dalle promesse ai fatti...

Marika Reale membro segreteria regionale Lega Salvini Calabria  

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.