Franco Bruno scende in campo al fianco di Mario Occhiuto

Per il Consigliere delegato Bruno, Graziano Di Natale smentisce se stesso: «norma statutaria a favore della permanenza in carica del Presidente e dei Consiglieri rieletti proposta e voluta dallo stesso Di Natale»
«Esprimo il mio supporto al Presidente della Provincia di Cosenza Mario Occhiuto e alle forze di maggioranza presenti in Consiglio Provinciale, condividendo la posizione espressa dallo stesso Presidente e supportata dall’attestazione del Segretario Generale in merito alla disciplina statutaria derivante dal combinato disposto dagli artt. 32, co. 2, e 37, co. 4 dello Statuto della Provincia di Cosenza

in forza del quale non si considera decaduto dalla carica di Presidente della Provincia il sindaco rieletto nel prima consultazione successiva allo scioglimento anticipato dell’ente di primo livello». È quanto dichiarato dal Consigliere provinciale delegato Franco Bruno, che afferma trattarsi di una norma – non in contrasto con la Delrio, ma anzi frutto di una interpretazione costituzionalmente conforme della medesima legge - fortemente voluta e proposta da quello stesso Consigliere Di Natale che oggi la osteggia, nella qualità di membro della Commissione Statuto, poi votata all’unanimità dalla Commissione, dal Consiglio Provinciale e dalla Conferenza dei Sindaci.
Una norma – osserva Bruno – proposta da Graziano Di Natale al fine di meglio specificare la normativa della Legge Delrio.
Detto questo, Franco Bruno precisa che la Sentenza del TAR Calabria – della quale il Consiglio di Stato ha al momento solo negato la sospensiva, ma non trattata nel merito – si occupa soltanto della nomina del Vice Presidente in quel preciso momento storico, ma da nessuna parte cita Di Natale quale reggente dell’Ente Provincia e anzi leggendone il testo il Consigliere anziano sembrerebbe essere Pino Capalbo.
Del resto, a voler ragionare in punto di diritto né la Legge Delrio né lo Statuto della Provincia prevedono la figura del Consigliere anziano. Una figura che per essere ritrovata occorre risalire al vecchio regolamento, naturalmente non più in vigore, laddove era previsto che a presiedere la prima riunione del Consiglio neo-eletto doveva essere il Consigliere anziano. Ma stiamo parlando dell’epoca, preistorica, in cui non c’era ancora l’elezione diretta dei Sindaci e dei Presidenti di Provincia e comunque valeva esclusivamente per la prima seduta del Consiglio Provinciale.
Nella denegata ipotesi di decadenza del Presidente della Provincia – continua Bruno – occorrerebbe quindi trovare all’interno del TUEL (Testo Unico Enti Locali) una similitudine che può rinvenirsi solo nella figura dell’Assessore Anziano delle vecchie Giunte, persona dunque di fiducia del Presidente e facente parte della maggioranza consiliare.
Ma vi è di più. Per affidare l’incarico di Presidente f.f. la ricerca deve essere necessariamente circoscritta a Consiglieri Provinciali Sindaci, quindi giammai Graziano Di Natale che Sindaco non è. Gli unici Consiglieri che allo stato attuale potrebbero essere chiamati a farlo, dunque, secondo il Consigliere delegato Bruno sarebbero i due Sindaci Pasquale Lamboglia e Gianfranco Ramundo, espressione fiduciaria del Presidente Occhiuto e anche Sindaci.
«È a tutti chiaro – conclude Franco Bruno – che il Consigliere Di Natale tenta di andare oltre la sentenza ai propri fini«.

Stampa Email

miglior sito di scommesse

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.