Trebisacce: festeggiato San Giuseppe

Agevolata dalla giornata quasi primaverile che ha incoraggiato molta gente a salire sulla omonima collina, si è festeggiato anche quest’anno l’incontro, semplice e spontaneo, dei trebisaccesi con San Giuseppe, l’umile falegname di Nazaret che conta tantissimi devoti, e non solo nella cittadina jonica. La festa del padre putativo di Gesù Cristo ormai non fa parte del calendario delle festività civili, ma Trebisacce, ancorata saldamente alle sue tradizioni, non cessa di far sentire il proprio gradimento per una festa popolare e bucolica che segna l’incontro col Santo ma anche con la natura del posto ricca di verde e di fiori di campo, oltre che di un panorama mozzafiato. Un tempo gran parte della popolazione locale, complice la giornata festiva, si trasferiva, a piedi e di buon mattino, sulla collina di San Giuseppe e vi trascorreva tutta la giornata immersa in una natura incontaminata. Oggi la tradizione bucolica e anche mangereccia è stata ereditata dai giovani che, sacco in spalla, di buon mattino e a frotte, invadono la collina dando vita ad una bella scampagnata all’aria aperta. Il pomeriggio invece anche quest’anno è stato riservato alla festa religiosa con la celebrazione della Santa Messa e la solenne processione accompagnata dalla musica della Banda città di Trebisacce, durante la quale il Santo viene stato portato a spalla in un’ala di folla festante lungo le stradine che si snodano attorno alla Cappella. Poi la tradizionale “riffa” organizzata dal comitato-festa ed al termine occhi puntati al cielo per ammirare i tradizionali fuochi pirotecnici che punteggiano il cielo di mille colori.  
    Pino La Rocca

Stampa Email

Castrovillari: "Fucarine i San Giuseppe"

Il falò di San Giuseppe, erede dei riti propiziatori pagani, è l’occasione per festeggiare la fine di un inverno freddo e borioso e l’inizio della stagione più fertile dell’anno, la primavera.  A Castrovillari anche quest’anno si è rinnovata la tradizione di  “fucarini i San Giuseppe e della sagra di laghini e ciciri”. A curarne l'organizzazione è stata anche quest’anno l'Associazione Culturale Gruppo Folcloristico “Città di Castrovillari” in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Una tradizione che va avanti da ben 20 anni. Falò, zeppole e bignè,la tradizione pagana si intreccia con quella cristiana nella conservazione di festeggiamenti e rituali antichi. La festività di San Giuseppe, protettore dei poveri, porta banchetti in molti rioni e  vengono bruciati cumuli di legna secca per dare spazio alla stagione della rinascita della natura. Il “falò maestro”, è di buon auspicio l’accensione di una grande pira di legna accatastata proveniente dalla potatura degli alberi di ulivo. Per gli amministratori e gli organizzatori  “ I fucarini” sono occasione «che dà l’opportunità agli abitanti di più quartieri di incontrarsi e socializzare, riportando questo momento al suo significato, ed in parte, alla sua motivazione iniziale: quella per cui si offriva alla gente l’opportunità di vivere  concretamente una vera convivialità, senza perdere di vista il significato più profondo della festa religiosa ch’era espressione delle tensioni e dei vissuti ed in cui l’assetto sociale veniva interrogato e reinventato. La festa di San Giuseppe è anche occasione per valorizzare i prodotti enogastronomici locali ,durante la festa, si possono degustare  i tradizionali “laghini e ciciri” si festeggia alzando i calici con vino e  dolci della tradizione contadina. L’evento, una vera e propria festa aperta a tutti ; alla luce e al calore  delle fiamme del falò, i presenti, accompagnati dal ritmo e dalle note della musica tradizionale si fanno dunque conquistare dai sapori dei prodotti tipici della nostra migliore tradizione enogastronomica . L’appuntamento, rappresenta il desiderio e la capacità della gente di essere ancora interprete di questi momenti e di valorizzare quelle forme di ritualità che  persistono nel nostro tessuto sociale e che fanno parte di quella tradizione che si desidera perpetuare, consapevoli del ruolo che possiede.
Durante la manifestazione, un’ apposita giuria, con in testa il direttore dell’Associazione Culturale, Gruppo Folk Città di Castrovillari, Antonio Notaro  e il Vice Sindaco Carlo Sangineto, ha fatto tappa nelle “ Fucarini” iscritte al concorso, per vedere da vicino come erano state organizzate; alla fine lo spirito era quello giusto e allora si è pensato di premiarle tutte: Premio Fucarina più grande alla Famiglia Iannibbelli, per la gastronomia è stata premiata la “Fucarina” di C.da Bianchino, per l’animazione quella di via Silvio Saraceni, Menzione speciale per la “ Fucarina” del Ponte della Catena e per quella di Via Santa Lucia organizzata dal gruppo AGESCI –SCOUT di Castrovillari dove hanno preso parte molti giovani. Un grazie a tutti quelli che hanno partecipato da parte dell’Associazione Culturale Gruppo Folk Città di Castrovillari e dal suo direttore Antonio Notaro e da parte dell’Amministrazione Comunale.
Questi invece  i numeri dei biglietti vincenti  riguardanti la “ Riffa”
1° Estratto F 01;
2° Estratto D 10;
3° Estratto B 59;
4° Estratto H 90;
5° Estratto D 23;
6° Estratto E 92;
7° Estratto H 23;
8° Estratto B 15.
Sarà possibile ritirare i premi presso la sede del Gruppo Città di Castrovillari,  sita in Corso Garibaldi n°134,ogni venerdì dopo le 21:00.

Anna Rita Cardamone


Stampa Email

"Vita in Campagna", ingressi scontati in fiera per chi viaggia su Simet

G.Smurra: nuove intese per il turismo rurale .
ROSSANO – Fiera di Vita in Campagna a MONTICHIARI (Brescia), ingressi scontati per chi raggiungerà l’unica ed attesa mostra-mercato nazionale dedicata agli appassionati di giardino o di campagna, a bordo degli autobus SIMET e PASQUALINI. Programmando, infatti, il viaggio di andata e ritorno, da tutt’Italia, sulle due autolinee, si potrà entrare in fiera al prezzo scontato di 6 euro, domani, VENERDÌ 21 e SABATO 22 MARZO e di 9 euro, DOMENICA 23 MARZO.      
La nuova intesa – spiega Gerardo SMURRA, presidente Cda SIMET – promossa e confezionata dalla nostra Società, insieme alla partecipata veneta PASQUALINI con Edizioni L’INFORMATORE AGRARIO di Verona rientra in una più ampia e consolidata strategia di sinergie imprenditoriali per sostenere lo sviluppo di iniziative finalizzate, in questa occasione, a promuovere il turismo rurale e la sostenibilità ambientale. Continuiamo – spiega SMURRA – ad integrare la nostra vasta offerta di autolinee, che già collegano più di 70 città e località italiane, con sempre nuovi itinerari culturali ed enogastronomici, alla scoperta del diffuso patrimonio identitario nazionale, nella convinzione che resti, quello scrigno custodito nei territori, la vera grande bellezza di questo Paese, da tutelare e da saper comunicare e condividere.

Da domani 21, al 23 marzo prossimi, dunque, in occasione dell’evento nazionale della rivista mensile “Vita in Campagna” (34.000 visitatori nel 2013!), SIMET e PASQUALINI propongono un ampio ventaglio di proposte-viaggio da diverse località in tutta Italia con biglietti di ingresso ridotto.

Ai viaggiatori verrà consegnato un coupon per l’ingresso ridotto in Fiera.

Tante le novità dell’edizione 2014 dell’evento di Montichiari: in una fattoria ricostruita dal vero, sarà possibile seguire più di 100 corsi gratuiti con esperti su frutteto, vigneto, oliveto, noccioleto, orto, giardino e animali da compagnia. Da quest’anno l’evento ospiterà inoltre il primo “Salone di Origine” con corsi di cucina, presentazioni, degustazioni, attività ludiche per i bambini e un mercato contadino. (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Stampa Email

Giornate di Primavera FAI a Castrovillari

Saranno presentate giovedì 20 marzo, alle ore 18, presso il punto FAI delegazione del Pollino che ha sede alla galleria d’arte il Coscile (corso Garibaldi), a Castrovillari, le giornate di Primavera FAI. Il 22 e il 23 marzo, ritornano, infatti, le Giornate FAI di Primavera. Durante la 22esima edizione dell’ormai affermata iniziativa del Fondo Ambiente Italiano, per 2 giorni sarà possibile, anche a Castrovillari, ammirare beni culturali di grande pregio. In particolare, a cura della delegazione FAI del Pollino, sabato e domenica i visitatori saranno condotti in visite guidate dagli aspiranti ciceroni del Liceo Classico “G. Garibaldi”, dell’IPSIA “L. Da Vinci”, dell’IPSAR “Karol Wojtyla” dell’ISA “A. Alfano”, alla scoperta dell’antico abitato di Castrovillari, “la Civita” e di un bene culturale e religioso a rischio qual è il Santuario della Madonna del Castello, afflitto da una frana che incombe sul colle su cui sorge l’antico tempio. Sabato 22, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 17 e domenica 23, dalle ore 9 alle ore 11 e dalle ore 15 alle ore 17, a partire da Palazzo Cappelli, la passeggiata in compagnia dei delegati FAI, guidati dalla prof.ssa Donatella Laudadio, e degli allievi di alcuni Istituti superiori della città, offriranno conoscenze per ammirare un pezzo d’Italia, così come si è soliti fare ogni anno per due giorni. Per poi prodursi in iniziative volte a salvare il patrimonio storico-culturale-religioso spesso soggetto a rischio di sopravvivenza. La delegazione del FAI del Pollino (composta da Donatella Laudadio, capo delegazione, Mimmo Sancineto, Franco Caruso, Gianluigi Trombetti e Roberto Fittipaldi) ringrazia per il supporto locale il sindaco di Castrovillari, avv. Domenico Lo Polito, i dirigenti scolastici e i docenti che hanno collaborato alla preparazione degli apprendisti Ciceroni.
Roberto Fittipaldi- giornalista professionista -

Stampa Email

Castrovillari: per le “Giornate di Primavera” del FAI il Comune mette a disposizione una navetta

Per la XXII Edizione prevista in tutta Italia. L’Amministrazione comunale Lo Polito di Castrovillari sostiene  le “Giornate di Primavera” organizzate dal Fondo Ambiente Italiano in città, mettendo a disposizione , sabato 22 e domenica 23 marzo, una navetta per far visitare e conoscere meglio, a quanti lo desiderano,  il Santuario della Madonna del Castello, patrimonio a rischio del capoluogo del Pollino e della Zona, a causa di un movimento di frana iniziato nel marzo 2012 su un fronte del Colle dove è posto e per il quale sono impegnati il Comitato per la Tutela, la Speciale Commissione Consiliare e l’Amministrazione comunale.
Le corse sono  previste in partenza , dinanzi a palazzo Cappelli, alle ore 10 ed alle ore 15 con ritorno , dinanzi alla chiesa di San Giuliano, alle ore 12 ed alle ore 17.
L’iniziativa è curata, organizzata e seguita in tutti i suoi particolari dagli appartenenti della locale Delegazione del FAI, guidata da Donatella Laudadio, già assessore provinciale, che proporranno un percorso tra arte, natura e memoria sulle tracce di una religiosità fortemente radicata nella popolazione quanto nel comprensorio come rappresentano anche i diversi templi esistenti, dedicati alla Madre di Gesù.
Accompagneranno fedeli e persone in questo tour d’approfondimento, che coinvolge anche il rione Civita, il “salotto antico della città, i  ragazzi dell’ IPSIA , del Liceo Classico, dell’Alberghiero e dell’Istituto d’Arte i veri “ciceroni” del momento divulgativo, coordinati dall’ispettore onorario per i Beni Artistici e Culturali, Gianluigi Trombetti, membro della Delegazione di Castrovillari, e supportati da altri appartenenti.
L’Ufficio Stampa del Comune di Castrovillari
(g.br.)

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.